Vuoi sapere cosa dicono di me le persone che mi conoscono? Clicca qui.
Sono nato a Roma 56 anni fa, cresciuto in una famiglia semplice e molto dignitosa. Mio padre, per lungo tempo, ha svolto due lavori per garantirci una vita tranquilla, senza problemi. Il suo esempio mi ha insegnato che per raggiungere gli obiettivi bisogna lavorare sodo, senza esibizionismi, senza lamentarsi.
Conclusi gli studi al liceo scientifico Majorana, ho intrapreso la carriera giornalistica. L’impegno politico è giunto poco dopo, anche se nella mia famiglia nessuno si era mai impegnato attivamente all’interno di un partito o in azioni politiche. Evidentemente l’interesse crescente che maturavo per la politica era, ed è ancora, una passione che raccoglie ogni mia attenzione, la voglia di mettermi in gioco, di cambiare le cose. Guardando al passato,  ai miei esordi in politica, mai avrei sperato di diventare parlamentare e di svolgere funzioni diverse sia nelle istituzioni che nel partito. È iniziato tutto occupandomi dei problemi del mio quartiere. Ho ricoperto il ruolo di Vicepresidente della Regione Lazio e assessore alle Politiche del Territorio e dell’Urbanistica. Questo incarico, dopo 30 anni di politica, mi ha riempito di orgoglio e responsabilità, consapevole che è un dovere essere vicini a quei cittadini che negli anni ho imparato a conoscere e provato a difendere. Posso dire che l’esempio di mio padre ha dato i frutti sperati e questa è una profonda e personalissima soddisfazione.
Oggi ho una splendida famiglia e tre figli meravigliosi, nel tempo libero – quello che rimane  –  oltre a spenderlo con i miei cari,  provo a coltivare le mie passioni:  il calcio, con il mio grande amore per la Roma, e la cucina, un amore che ho ereditato da mio padre, un modo infallibile per rilassarmi, divertirmi e stare in compagnia.  E poi  viaggiare. Attraverso il viaggio scopro mondi diversi, mi aiuta a comprendere cosa c’è di buono e cosa c’è da cambiare in quello che viviamo quotidianamente. Sto cercando di trasmettere questa passione ai miei figli perché credo sia meravigliosa ed entusiasmante, il modo più divertente per conoscere il nuovo e meglio se stessi.
L’impegno politico, la famiglia, i viaggi, la cucina sono tutte cose che hanno contribuito a rendere speciale la mia vita. Le passioni ci rendono vivi, perché ci danno una marcia in più, la voglia di stare con gli altri, di condividere nuove idee e nuovi modi di vedere le cose.

Il 14 gennaio 2016 vengo nominato Coordinatore Regionale del Lazio per i Conservatori e Riformisti di Raffaele Fitto.